L’Amatriciana nei film

Giulio Aniballi Come scrissi il 23 marzo, oltre questo film “Cameriera bella presenza offresi” cerchiamo anche gli altri che di nuovo riporto e cataloghiamoli in biblioteca :
-Film “Rugantino”
Con Celentano presente il personaggio gnecco il Matriciano Nella Roma papalina del XIX secolo, Rugantino, giovane spaccone, arrogante e avverso a qualsivoglia lavoro, vive di espedienti aiutato dalla fida Eusebia che egli spaccia per sua sorella. I due insieme ottengono vitto ed alloggio raggirando il frescone di turno: dapprima un anziano prelato il quale, deceduto, non dona loro alcun lascito; e quindi Mastro Titta, il celebre boia dello Stato Pontificio, autentico personaggio storico. Mastro Titta è anche proprietario di una locanda che gestisce insieme al figlio soprannominato Bojetto, dopo l’abbandono da parte della moglie che non approvava il suo mestiere. Egli si prende cura di Rugantino e di Eusebia ma finisce per innamorarsi di questa, un amore che è presto ricambiato. Entra in scena la bella Rosetta, moglie del violento e gelosissimo Gnecco Er Matriciano, croce e delizia di tutti i giovani romani, compreso Rugantino, il quale con degli amici scommette di sedurla prima della Sera dei Lanternoni. Il giovane, nonostante umilianti peripezie, riesce nell’intento ma finisce con l’innamorarsi della ragazza, così da non far menzione dell’impresa, per rispetto, ai suoi compagni; un contegno che presto viene meno a causa del suo carattere spaccone, ferendo così i sentimenti di lei.
Durante il Carnevale Gnecco viene assassinato da un criminale mentre Rugantino è altrove in compagnia di una nobile. Il protagonista si fa trovare casualmente accanto al cadavere e quindi, onde riscattarsi, si autoaccusa dell’omicidio, il cui movente sarebbe l’amore per Rosetta. Imprigionato e condannato a morte, con Rosetta che si dichiara perdutamente innamorata, sale sul patibolo sostenendo la colpevolezza, dimostrando così, affrontando la morte, di essere un vero uomo. La vicenda si conclude con Mastro Titta che giustizia un Rugantino finalmente rispettato e ammirato da tutti.

-Film “ Un Tassinaro a NEW YORK”.
Con Alberto Sordi da Roma, va a New York per la laurea del figlio; la moglie, in una valigia, aveva portato con sé una buona scorta di materiale per fare l’amatriciana; fermati alla dogana Americana spiegano il motivo di tutto quel ben di Dio ed i dettagli della ricetta, già noti comunque al doganiere che li lascia passare. In America, offrono poi piatti di pasta ai vicini di casa creando così buon vicinato.
-Film “ La moglie è uguale per tutti” Con Nino Taranto nel secondo tempo in un ristorante Romano più volte vengono proposti a viva forza dal ristoratore gli spaghetti all’Amatriciana.
-Film “Cameriera bella presenza offresi” film in quattro episodi, con Aldo Fabrizi, Alberto Sordi,Lauretta Masiero ecc Aldo Fabrizi all’inizio del terzo episodio, Rimasto solo il mese di agosto, disquisisce con una cameriera appena arrivata a casa sua, circa la ricetta dell’amatriciana:
-se ci va la pancetta oppure il guanciale,
-cipolla oppure aglio (niente)